Vuoi guadagnare con un Blog? Ecco cosa NON devi fare

Pubblicato da in Guide il 28 giugno 2016 

Guadagnare con un blog

Se sei arrivato qui è perché probabilmente sei un giovane blogger che ha da poco avviato il proprio spazio online e vuole trovare un modo per guadagnarci un po’ qualcosa. Se è così, ti dico già che sei nel posto giusto, però il tuo intento è sbagliato. Ora ti spiego perché.

Il primo fondamentale segreto per guadagnare con un blog è dimenticarsi del guadagno. Non ti sto prendendo in giro, ma se avvii un blog con l’unico scopo di voler guadagnare, probabilmente non riuscirai mai a guadagnare nemmeno 1€.

Pensi ti stia prendendo in giro? Rifletti. Per guadagnare con un blog, come con qualsiasi altro sito internet, serve un requisito essenziale: i visitatori. Più visitatori avrai e più guadagnerai. Ma per avere molti visitatori devi scrivere cose interessanti. E per scrivere cose interessanti non puoi focalizzarti solo sul possibile guadagno che potresti avere.

Quindi, come dicevo, il primo requisito fondamentale da tenere a mente è di non pensare affatto al guadagno. Serve tanta passione, una buona abilità nella scrittura, una manciata di creatività e soprattutto bisogna saper coinvolgere il lettore. Aggiungici qualche nottata insonne e avrai la ricetta quasi perfetta per un blog di successo.

Purtroppo trovare l’argomento giusto per avviare un blog è ormai difficilissimo. La rete è satura di qualsiasi topic e anche il tema di nicchia prende piede sempre più velocemente. Ma se hai una grande idea originale sei già a metà verso la strada del successo.

Sii creativo, scrivi per il pubblico e cerca di mantenerti il più imparziale possibile. I lettori vogliono leggere informazioni utili, veritiere e immediate. Sii originale, non scopiazzare da altri siti, se ne accorgerà Google penalizzandoti, e se ne accorgeranno i tuoi lettori. Ne va della tua immagine, perciò documentati per bene prima di cimentarti nella stesura dell’articolo di turno, organizza le idee e redigile nella forma più chiara possibile. I tuoi visitatori apprezzeranno.

Prima di passare alle forme di guadagno riassumiamo quanto fin qui detto:

1) NON scrivere con in testa il pallino del guadagno. Popola il tuo blog di materiale utile e interessante;

2) NON copiare contenuti da altri siti, al massimo rielabora le informazioni che hai colto e cita le fonti. Trova qualcosa di originale e poco trattato e rendilo invitante per i visitatori;

3) NON scrivere tanto per fare qualcosa, ma scrivi con l’obiettivo di essere utile a qualcuno.

Detto ciò, se il tuo blog inizia ad avere successo e ad essere letto e visitato quotidianamente da una manciata di persone, puoi iniziare a pensare di guadagnarci qualcosina. Ma ricordati di non iniziare a scrivere soltanto per il guadagno, altrimenti ti ritroverai a scrivere per i soldi, non per i lettori e il risultato sarà probabilmente che i tuoi articoli non saranno più interessanti e le persone smetteranno di leggerli.

La prima cosa che NON bisogna fare per guadagnare con un blog è quella di buttarsi su Google Adsense. E’ un errore che commettono in tanti. Si iscrivono al programma e dopo pochi minuti tappezzano il proprio blog di banner e pubblicità varia. Niente di più sbagliato.

Adsense è un buon modo per guadagnare soldi se e solo se, il tuo sito raggiunge svariate centinaia di migliaia di visite al giorno. Se il tuo blog raggiunge a stento le 1000 visite al giorno, lascia perdere. Non solo sarebbe una perdita di tempo, ma contribuirai a riempire il web di pubblicità “gratuita” che il lettore si abituerà a vedere sul tuo e su altri milioni di siti e che soprattutto, non ti porterà altro che pochi centesimi di euro sul tuo conto Adsense.

Per darti un’idea. Un piccolo blog di 700/800 visite giornaliere con due banner 728x90px e 300x250px posizionati “above the fold” quindi subito visibili senza scroll della pagina, riesce a raggiungere la cifra di pagamento di Adsense (75€) in poco meno di un anno.

Quindi come guadagnare con un blog? Semplice, con le affiliazioni. Dimentica il concetto di Pay per Click e Pay per View e inizia a pensare di guadagnare facendo vendere un prodotto. Che sia un libro, un fornello elettrico, uno smartphone, una confezione di pasta, un servizio di hosting, non ha importanza. Ciò che conta è che l’affiliazione che scegli sia il più inerente possibile a ciò che scrivi.

La migliore affiliazione in questo senso è quella di Amazon. Ogni giorno si trovano sempre più prodotti, anche quelli più di nicchia e collegare un articolo del blog con un link affiliato a un prodotto di Amazon non è poi così difficile. Ma in questo caso, attento a non ricadere negli errori più comuni. Ovvero:

1) NON scrivere articoli solo per pubblicizzare un prodotto. Ricorda di dare informazioni utili al lettore, altrimenti nessuno ti leggerà;

2) NON parlare bene di un prodotto se nemmeno lo hai provato. Ricordati di scrivere sempre informazioni veritiere, basate sulla tua esperienza e che possano dare un contribuito a chi sta leggendo;

3) NON linkare in maniera forzate i prodotti dell’affiliazione con i tuoi articoli. Ricordati che la pertinenza è il miglior modo per incentivare l’utente a cliccare suoi link;

4) NON usare i banner e contenuti preimpostati del programma di affiliazione. Soprattutto quelli di Amazon che sono graficamente osceni. Bensì, se vuoi inserire banner anziché semplici link, sviluppa o fai sviluppare dei lavori grafici personalizzati che sicuramente daranno molto di più all’occhio rispetto il solito materiale visto e rivisto su migliaia di siti web.

Per darti un’idea. Lo stesso blog dell’esempio precedente, in soli due mesi con il programma di affiliazione di Amazon ha guadagnato quanto 3 anni di Adsense.

Le affiliazioni ti pagano una provvigione sul prodotto venduto o sulle registrazioni effettuate, quindi capisci bene che per quanto sia più difficile che il cliente acquisti il prodotto/servizio, sicuramente il guadagno è molto più alto rispetto le classiche campagne a click o a visualizzazione.

Esistono centinaia di affiliazioni per guadagnare con un blog, ognuna con le proprie regole, vantaggi e svantaggi. Il consiglio migliore che posso darti è quello di provarne il più possibile e soprattutto, di non iniziare a scrivere solo per il guadagno ma di focalizzarti su ciò che ti appassiona veramente. Non è un consiglio dettato da una vena romantica o moralistica, bensì è un semplice trucco funzionale. Se scrivi solo per il guadagno, la tua mente non riuscirà a trovare molte idee per trattare l’argomento, visualizzerai solo il simbolo del dollaro e non riuscirai a cogliere l’obiettivo principale: aiutare i tuoi lettori.