Xiaomi Mi Band 2

Posted by in Recensioni on 12 gennaio 2017 Comments off

Xiaomi Mi Band 2

Chi ha già avuto esperienza con la prima versione dello smartband della Xiaomi, sa già che stiamo parlando di un prodotto decisamente valido, resistente, funzionale, dal design minimale ed elegante, ma soprattutto, economico. Questo Xiaomi Mi Band 2 si presenta sin da subito come all’altezza dei suoi predecessori (Mi Band 1 e 1S) apportando così delle notevoli migliorie a un prodotto già di per sé molto valido.

Unboxing

La confezione di questo nuovo Mi Band resta in linea con quella delle precedenti versioni: semplice, in carta riciclata che regala quel tocco vintage che caratterizza un po’ tutte le confezioni dei prodotti Xiaomi.  Aprendo lo scatolo troviamo il dispositivo vero e proprio e il relativo cinturino a parte. Il “libretto di istruzioni”, ovviamente inutile per i più, visto che scritto in cinese, ma alla fine, non ne avremmo comunque bisogno perchè l’app penserà a tutto quanto per noi – sia nell’installazione che nella spiegazione delle varie funzionalità – ed infine, sempre presente all’interno della confezione, il caricatore USB per il dispositivo.

xiaomi mi band 2

Prime impressioni

Sin da subito si riesce a intravedere chiaramente l’innovazione sotto il profilo estetico rispetto le precedenti versioni, in quel caso più oblunghe e meno curate. Con questo Mi Band 2, il settore degli smartband, soprattutto di quelli più costosi e blasonati, vacilla non poco. Infatti stiamo parlando di un prodotto che sia dal punto di vista tecnico, che da quello estetico, offre una combinazione impeccabile di elementi ad un prezzo più che in linea con i braccialetti intelligenti di fascia medio alta, dai 90€ in su.

In dettaglio

Questo Mi Band 2 dimostra sin da subito grande solidità. Le dimensioni sono ridotte così come nella prima versione, ma distribuite meglio. Il braccialetto infatti risulta molto più ergonomico e resistente. La plastica impiegata è molto solida e l’inserimento del dispositivo nel vano è difficoltosa al punto giusto per impedire che il dispositivo scivoli via mentre siamo distratti. È dotato di un display OLED e un pulsante touch che consente di visualizzare l’ora ed eventualmente anche la data, i passi giornalieri, la frequenza cardiaca rilevata tramite un cardiofrequenzimetro installato nella parte inferiore, la batteria residua ed altre informazioni dedicate agli amanti del fitness. Nonostante la resistenza e la solidità del vetro, ho scelto di proteggere ulteriormente il display con una pellicola in vetro temperato fatta apposta, facilmente reperibile a pochi euro (BangoodAmazon,)

Il tocco in più

La particolarità del Mi Band è che oltre alle normali funzioni di tracker per il fitness, è dotato di altre due funzionalità molto interessanti. Il braccialetto infatti esegue un monitoraggio dell’attività del sonno generando un report nell’app anche piuttosto dettagliato ed affidabile. Inoltre, è possibile adoperare la vibrazione e il display del braccialetto, per notificare gli eventi che accadono sul cellulare: chiamate in arrivo, sms, messaggi di whatsapp o messenger, gmail e via dicendo. Comodissimo in tutte le situazioni, considerando che la batteria dura più o meno 15 giorni in base all’utilizzo e alle impostazioni configurate, potreste adoperare come me il braccialetto, soprattutto per le notifiche del cellulare.

Funzionalità minori

Tra le funzioni minori è da segnalare anche la sveglia intelligente, una sveglia particolare dove una volta impostato il range di orario in cui dobbiamo svegliarci, ci sveglierà automaticamente facendo vibrare il nostro Mi Band nel momento giusto, per non avere un risveglio traumatico. Infatti il dispositivo è in grado di rilevare e visualizzare non solo il momento piuttosto preciso in cui si va a dormire e ci si sveglia, ma anche la durata del sonno leggero e quella del sonno pesante. Queste informazioni possono tornare utili per migliorare la qualità del nostro sonno. Possiamo ovviamente tenere traccia di tutti i report direttamente tramite l’app Xiaomi disponibile sia sul Play Store che sull’App Store.

Un’ulteriore chicca

Per i possessori di smartphone Android esiste un’app a pagamento (pochi euro) chiamata Mi Band Tools, che al costo di un caffè, ci offre la possibilità di personalizzare ulteriormente il Mi Band sfruttandone appieno le potenzialità. Possiamo impostare l’intensità della vibrazione, la velocità di comparsa delle notifiche, il monitoraggio dell’attività cardiaca a intervalli, un feedback di inattività che emette una vibrazione qualora non rilevi movimento entro un tot di tempo. Per scoprire altre app interessanti per il tuo Mi Band leggi questo articolo.

Conclusioni

Tra i braccialetti indossabili intelligenti questo Xiaomi Mi Band 2 sicuramente si fa spazio con facilità tra i più conosciuti sul mercato, avendo dalla sua sicuramente un costo ridotto ma delle caratteristiche avanzate, completate anche dall’IP67 che lo rende resistente alla polvere e immergibile in acqua fino a 30 metri. Se invece volete sfruttare le potenzialità del Mi Band esclusivamente per le notifiche e gli avvisi potete optare per la versione ancora più economica e ancora commercializzata della prima versione, il Mi Band 1 (Bangood, Amazon)

Ottimo non solo come idea regalo per qualsiasi occasione, ma anche un utile prodotto di uso quotidiano che sicuramente riesce a stupire e a regalare continue soddisfazioni nel corso del tempo. È uno di quei pochi oggetti del quale non ci si annoia nel tempo e si smetti di usarli, bensì entra nel quotidiano e diventa addirittura un compagno affidabile, soprattutto se impostato bene con calendari, sveglie e impegni vari.

Acquistabili su: nostro shop, AmazonBangood, eBay